Scatole “gelate”

ice-box_1

Sole, caldo, gelati!

Come ogni anno l’estate arriva quando meno te l’aspetti e allora via a gelati e sorbetti, sia fait maison sia comprati in gelateria o supermercato.
In questo caso ci si ritrova con le confezioni, alcune talmente carine che è un peccato buttarle; però… che ci si fa? Niente di più semplice, un po’ di washy-tape e via a

ice-box_3

portamatite (penne, pennarelli o cancelleria varia)

ice-box_1

immancabile cache-pot

ice-box_2

portapupazzetti

Annunci

Hello dolly

spoondoll

Chiamiamolo “riciclo creativo” (fa chic), chiamiamolo “se piove all’improvviso, chiusi in casa che facciamo?” (fa paura), il risultato non cambia: con dei semplici cucchiai di plastica da pic-nic si possono fare delle bellissime bamboline – come ha fatto fatine e folletti – o dei mostrilli come abbiamo fatto noi.

Occorrente:

cucchiai o forchette di plastica

pennarelli o adesivi (per i particolari del viso)

carta di vario genere (noi abbiamo usato quella da origami)

lana (opzionale, per i capelli)

scotch (per fissare il vestito)

‘A pizza

achacunsongout_pizza_1

A Milano si è aperto il Salone del Mobile con annesso Fuorisalone, in vista dell’Expo 2015 il filo conduttore di quest’anno è il cibo. Pensando a questo, alla cucinetta di cartone con forno e alla pizza di feltro di Joel, abbiamo fatto la nostra pizza, ma di carta.

L’esecuzione è semplice e veloce e permette di sfornare parecchie pizze una più fantasiosa dell’altra, i bimbi che hanno dimestichezza con le forbici possono tagliare da soli i pezzi, oops, gli ingredienti, gli altri possono colorare pomodori, basilico, olive e chi più ne ha più ne metta e diventare tutti provetti pizzaioli 🙂

Parafrasando una vecchia pubblicità: buona pizza a tutti!

achacunsongout_pizza_2

Sono io!

marionetta_se_cSembra strano ma secondo gli esperti di psicomotricità la creazione dello “schema corporeo” è propedeutico alla scrittura e alla lettura. In particolare mettere in relazione  le parti del corpo precorre la scrittura perchè contiene concetti come: prima e dopo, sotto e sopra; concetti e segni che il bambino ritroverà quando dovrà imparare a scrivere. La disposizione degli elementi è precisa (occhi, bocca, braccia, eccetera) così come sarà precisa la disposizione delle lettere.

Tra i tre e i quattro anni, alla scuola materna, si comincia a rappresentare graficamente il corpo, o meglio, lo schema corporeo, prima disegnando il viso, poi il corpo, infine preparando una marionetta di sè stesso.

Se il pupo ha più di quattro anni (prima non ha ancora sviluppato percezioni e concetti importani su se stesso e il mondo che lo circonda), può essere divertente preparare una marionetta di sè o di un personaggio di fantasia. Si realizza in maniera molto semplice utilizzando materiali di recupero:

1 tubo lungo (dell’asciugatutto)

4 tubi della carta igienica

carta per le sagome delle manine e dei piedini e per il viso

colori, tempere per colorare i tubi e pennarelli per le altre parti

fermacampioni o spago per fissare le parti

stoffa per costume del personaggio (opzionale)

marionetta_se_1

Decorando aspettando

Lab_Xmas_cPrimo  dicembre, si inaugura l’adventskalender, si cominciano ad aprire le finestrelle che segnano, una al giorno, la marcia di avvicinamento a Natale. E’ anche tempo di cominciare a preparare le decorazioni, tradizionalmente a Milano l’albero di Natale, e relative decorazioni in casa, si allestisce a Sant’Ambrogio, il 7 dicembre.

Lab_Xmas_2

Alla libreria dei Ragazzi, in via Tadino 53, a Milano, si è svolto un laboratorio per bambini per preparare le decorazioni per la vetrina della libreria. Un nutrito drappello di piccoli e infaticabili artisti, armato di pastelli a cera, tempere, glitter, lana e gli immancabili washy tape ha prodotto una quantità impressionante di bellissime renne, alberelli e palle di Natale di cartoncino colorato.

Lab_Xmas_3

Grazie alla Libreria per la bella opportunità e soprattutto a bimbi, mamme e papà per l’entusiasmo e i bellissimi lavori.

Lab_Xmas_4 Lab_Xmas_5Lab_Xmas_6Lab_Xmas_7Lab_Xmas_8

Lab_Xmas_9Lab_Xmas_10 Lab_Xmas_11

Le regole del gioco

Sono stata fortunata. Quando ero bambina per regola ferrea in casa la televisione veniva accesa per non più di mezz’ora al giorno ma la trasmissione Scacciapensieri – della durata giusta di mezz’ora – era imperdibile. Sono stata fortunata perchè Scacciapensieri è un programma trasmesso dalla RTSI (radio televisione svizzera italiana) visibile in Italia in Piemonte e Lombardia ma a macchia di leopardo, si potrebbe dire, capitava addirittura che nella stessa città non arrivasse il segnale in tutti i quartieri. Nel mio sì! 🙂 Continua a leggere