Wall art

wall_pao_3 Mi sembra di parlare al muro! Quante volte l’abbiamo detto. E se per una volta fossero i muri a parlarci? La questione dei writer, angeli o demoni delle nostre città, è annosa. Un bel graffito, pensato e ben realizzato, non solo abbellisce la zona ma può essere considerato opera d’arte. Le tag alla rinfusa sono solo fastidiose. wall_pao_1 wall_pao_2Jean-Michel Basquiat, Keith Haring, Banksy, imprescindibili street artists ma anche i murales di Shankill Road e Falls Road a Belfast (i primi comparvero nel 1908), spesso i muri parlano. wall_1 A Milano, ultimamente, ancora di più: su esplicita richiesta dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini i muri interni ed esterni dell’Istituto ortopedico, del Monastero della Visitazione e dell’Archivio Storico Diocesano sono diventati tavolozza per writer capaci e famosi come Pao (suo, tra gli altri, il drago in via Canonica), Orticanoodles e Ivan.wall_gaberwall_gaber2 wall_jannacciwall_meriniwall_munariSpesso “parliamo al muro” che non risponde, talvolta è il muro a parlare, ascoltiamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...