Il Pittore di Gianni Rodari al museo

Una volta c’era un pittore

povero in canna:

non aveva nemmeno un colore,

e per fare i pennelli

si era strappati i capelli.

rodari_pittore_blu

Andò dal padrone del Blu

e gli disse:” Per favore, dammi tu

un po’ di colore

per dipingere un cielo.

Ma mica tanto, soffio, un velo”.

“Vattene, vattene, fannullone,

pezzo di accattone,

se non vuoi che ti lisci il groppone

col bastone!”

rodari_pittore_giallo

Andò dal padrone del Giallo

e gli disse così:

“Prestami qualche avanzo

di colore, un ritaglio,

abbastanza per fare un girasole”.

Ma quello lo aggredì

con un torrente di male parole:

” Pezzente, delinquente,

la finisci di seccare la gente!”

rodari_pittore_verderodari_pittore_bruno

rodari_pittore_bianco

Andò dal padrone del Verde,

andò dal padrone del Bruno,

ma non gli dava retta nessuno.

Infine pensò:

“Il Rosso ce l’ho!”

Detto fatto un dito si tagliò.

E il Rosso gocciò sulla tela:

era una lagrima appena,

una perla di sangue,

ma tinse in un istante,

la tela intiera,

rossa come un falò di primavera,

rossa come una bandiera,

come un milione di rose.

E il povero pittore

adesso che aveva un colore

si sentì ricco più di un imperatore.

Un’ora al museo, un’ora splendida circondati da meraviglie della pittura del secolo scorso. Alle Gallerie d’Italia (sede di Milano) è stato organizzato un laboratorio per bambini, un giovane e preparatissimo operatore didattico, Gabriele, ha fatto da guida, affascinando i bambini e accompagnandoli in una sorta di caccia al tesoro tra le tele del Novecento, la “mappa” era la poesia di Gianni Rodari <<Il pittore>>. I bambini erano affascinati sia dalle tele sia dalle parole di Gabriele che, non solo li ha aiutati a trovare i colori per il pittore protagonista della poesia, ma ha anche spiegato con parole semplici ma efficaci sia la tecnica usata dagli autori delle opere sia il significato delle opere stesse.

Così veniamo a sapere che Lucio Fontana ha forato la tela per poterci entrare dentro e così dipingere lo spazio, o che Enrico Castellani inserendo dei chiodi di diverse altezze sotto alla tela ha ottenuto il grigio senza usarlo, sfruttando l’ombra dei chiodi sulla superficie bianca. Geniale. O ancora che Mario Deluigi ha usato la tecnica del frottage, facilmente riproducibile a casa con i pastelli a cera, o ancora che Roberto Crippa ha ottenuto le evoluzioni di nero sulla tela facendolo colare da un forellino sul fondo del barattolo.

Il pomeriggio si è concluso con una sessione di pittura fatta con un dito, come il pittore di Rodari.

A strega comanda color con la poesia di Rodari si può giocare non solo al museo ma anche in casa, per strada, al parco… basta cercare i colori e fortunatamente il mondo ne è pieno 🙂

Grazie alle Gallerie d’Italia e alla guida Gabriele per il bel laboratorio, e grazie a Gianni Rodari per tutto il resto, che non è poco.

Rodari_il-pittore_c

IL PITTORE di Gianni Rodari, illustrazioni di Valeria Petrone, Emme Edizioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...